castiglione d/s

Visualizza su Google Maps

Via Torquato Tasso, 14
46043 | Castiglione delle Stiviere
Tel. +39 0376 67 12 13
info@studioghidini.org

P.IVA / C.F. 01812640207

bologna

Visualizza su Google Maps

Via Augusto Murri, 45/L
40137 | Bologna
Tel. +39 051 25 17 44
bologna@studioghidini.org

P.IVA / C.F. 01812640207

Non sai quale dentifricio scegliere? Ecco le indicazioni da seguire

Non sai quale dentifricio scegliere? Ecco le indicazioni da seguire

Igiene orale , Salute

 

Il dentifricio è una sostanza che quotidianamente viene utilizzata nelle pratiche di igiene orale, insieme allo spazzolino, per la pulizia di denti e lingua.

Nel tempo si sono susseguite diverse tipologie di dentifricio: dalla pasta, al gel in granuli e perfino i dentifrici in polvere ma l’obiettivo è rimasto quello di rimuovere il biofilm batterico
che si forma nella nostra bocca ed eliminare piccoli frammenti di cibo rimasti tra i denti.

Il dentifricio è il mezzo più pratico e con il miglior rapporto costo/beneficio per il controllo chimico della placca, ma andiamo ad individuare la sua composizione e le sostanze da conoscere.

Dentifricio: com’è composto?

Tra i componenti del dentifricio vorremmo soffermarci sulle sostanze abrasive e lucidanti, che con la loro azione asportano i pigmenti dalla superficie dei denti,
senza essere dei veri e propri sbiancanti.

Lo scopo dell’abrasività è quello di aiutare lo spazzolino nella disgregazione della placca e dei pigmenti superficiali, senza però asportare smalto o procurare ferite alle gengive.

Infatti se l’azione abrasiva è troppo elevata e viene associata ad uno spazzolamento troppo aggressivo può determinare delle lesioni sul dente e sullo smalto
causando ipersensibilità dentinale e dolore.

Ecco perché i fabbricanti dovrebbero sempre indicare sulle confezioni il coefficiente di abrasività dentinale RDA (Radioactive Dentine Abrasion), che ne determina la categoria:

₋  Dentifrici a bassa abrasività RDA da 0 a 50 indicati per pazienti con denti sensibili, gravi lesioni dello smalto, diabete;

₋  Dentifrici a media abrasività RDA da 60 a 100 per tutti i pazienti con dentatura sana e smalto integro;

₋  Dentifrici a moderata RDA da 101 a 120 e alta tra 121 e 200 sono tipicamente commercializzati come dentifrici sbiancanti e per la loro aggressività
se ne sconsiglia l’utilizzo quotidiano ma solo 1 o 2 volte la settimana.

 

Gli altri principi attivi dipendono poi dall’utilizzo specifico a cui sono destinati i dentifrici, eccone alcuni:

 

Potrebbe interessanti anche STRUMENTI DI IGIENE ORALE: A COSA SERVE IL FILO INTERDENTALE?

 

Quando usare il dentifricio per bambini?

Un’altra importante considerazione riguarda l’utilizzo del dentifricio in età pediatrica: esistono infatti in commercio dentifrici studiati espressamente per bambini fino ai 6 anni di età
che presentano una concentrazione ridotta o quasi nulla di fluoro.

Per contrastare l’insorgenza di carie infatti vengono utilizzati dentifrici a base di fluoro, ma spesso i bambini ingeriscono il dentifricio e un’assunzione eccessiva di fluoro
e protratta nel tempo in età pediatrica può essere causa di fluorosi dentale: una patologia che si manifesta con macchie dello smalto.

Esistono anche dentifrici naturali, ipoallergenici che contengono sostanze capaci di rinforzare lo smalto (Idrossiapatite di Calcio) e distruggere i batteri responsabili della carie.

In ogni caso si raccomanda una quantità limitata del dentifricio della grandezza di un pisello e la supervisione dei genitori durante la pulizia dei denti,
che non deve superare le 2 volte al giorno, nei bambini tra i 4-6 anni di età per evitare l’ingerimento del dentifricio.

Per avere una valutazione specifica e sapere quale dentifricio è più idoneo alle proprie necessità, è importante informarsi presso un professionista come l’igienista,
che raccomanderà la soluzione più efficace.

 

Rivolgiti ai nostri specialisti per conoscere i trattamenti più adatti a te. Contattaci